Avvocato in Spagna cose da sapere

Diventare Avvocato in Spagna cose da sapere sul percorso con Grado en Derecho e Master Abogacia
10
Gen

ABILITAZIONE DA AVVOCATO IN SPAGNA – 5 COSE DA SAPERE

Con la relazione del 19 luglio 2017, trasmessa dal Ministero di Educazione di Spagna a quello di Giustizia è stato introdotto un nuovo criterio cronologico nel conseguimento dei titoli universitari al quale uniformarsi per poter avere accesso alla professione di Avvocato in Spagna.

Per prima cosa mi preme sottolineare come tale criterio cronologico sia:

  • un criterio interpretativo
  • introdotto per la prima volta con la convocazione dell’esame di ottobre 2017 
  • totalmente non riscontrabile dal tenore letterale delle normative che disciplinano l’accesso alla Professione di Avvocato in Spagna (Ley 34/2006, RD 775/2011)

In cosa consiste? In una scansione temporale nell’ottenimento dei titoli, ovverosia:

  1. Primariamente il Grado en Derecho
  2. Posteriormente il Master de acceso a la Abogacia

Dunque il Ministero di Educazione di Spagna pone per la prima volta uno stringente requisito di consequenzialità cronologica nell’ottenimento dei titoli richiesti per partecipare alla prova di accesso alla professione di Avvocato in Spagna, ne consegue che qualsiasi altro criterio temporale (ad esempio prima il Master e poi il Grado) sarà valido solo a scopi formativi ma non a scopi professionali, ovverosia non valido per la partecipazione all’esame abilitante.

Per cui qualsiasi procedimento che si discosti da questo criterio cronologico non darà accesso alla professione in Spagna.

Riassumiamo quindi i passi dal punto di vista della loro scansione temporale:

  1. PRIMO PASSO – CONVALIDAZIONE DELLA LAUREA ITALIANA AL GRADO EN DERECHO

Il riconoscimento della laurea italiana in Spagna avviene attraverso un processo di convalidazione degli esami sostenuti in Italia per conseguire il titolo di Laurea. Basicamente una gran parte di detti esami sarà oggetto di riconoscimento, in quanto ritenuti equipollenti, mentre una parte residuale costituirà debito formativo colmabile con:

  • un percorso di preparazione, che potrà avvenire sia in modalità presenziale che a distanza (modalità offerta da ISPE attraverso la partnership con l’Università Nebrija),
  • il superamento degli esami presenziali, da svolgersi mediante test a risposte multiple.

Con il superamento di ciascuna materia si conseguirà il Grado en Derecho, ovverosia l’equivalente della Laurea in Giurisprudenza italiana. Di fatto una seconda Laurea.

  1. SECONDO PASSO: ATTESTAZIONE DI LINGUA

La partecipazione a qualsiasi corso di Laurea o Master all’estero prevede una attestazione di conoscenza della lingua di livello intermedio (B2).
Tale attestazione potrà essere precedente al corso oppure conseguita durante lo svolgimento dello stesso (modalità prevista dall’Università A.  Nebrija).

  1. TERZO PASSO – MASTER DE ACCESO A LA ABOGACIA

Una volta conseguito il Grado en Derecho sarà possibile frequentare il Master di accesso alla professione di Avvocato, previsto come periodo formativo obbligatorio per il laureato in Giurisprudenza che voglia accedere alla professione di Avvocato (Abogado) in Spagna. Dunque il Master dovrà essere svolto solo posteriormente al conseguimento del titolo di Grado en Derecho conseguito in Spagna.

Tale Master potrà essere svolto sia in modalità presenziale che a distanza.

  1. QUARTO PASSO – PROVA DI ACCESSO ALLA PROFESSIONE

A questo punto sarà possibile iscriversi e partecipare alla prova di abilitazione forense in Spagna, con un percorso perfettamente in conformità al nuovo criterio cronologico introdotto in Luglio 2017 dal Ministero di Educazione di Spagna.

La prova consta di un test a risposte multiple da 75 domande, di cui i 2/3 su deontologia e materie correlate allo svolgimento della professione di Avvocato in Spagna e 1/3 su una materia a scelta del candidato, da scegliersi fra:

  1. Diritto civile e commerciale
  2. Diritto amministrativo
  3. Diritto del Lavoro
  4. Diritto penale

Il candidato potrà rispondere a solo una delle materie elencate.

Il superamento avverrà se il candidato sarà riuscito a conseguire un punteggio minimo di 5 punti, su una scala di valori tra 0 e 10, tenendo conto che questi 5 punti saranno il risultato della media ponderata tra:

  • Voto del Master 30 %
  • Voto della Prova 70 %

Per calcolare il risultato della prova CLICCA QUI
Per approfondire i criteri di calcolo CLICCA QUI

La prova si svolge due volte l’anno:

  • 1° prova in febbraio/marzo
  • 2° prova in ottobre

In caso di mancato superamento il candidato potrà partecipare alla sessione seguente. La percentuale di superamento è di circa l’85 %.

  1. QUINTO PASSO – ISCRIZIONE COLEGIO DE ABOGADO IN SPAGNA

Superata la prova, si è abilitati all’esercizio della professione in Spagna, dunque non resta altro che iscriversi presso un qualsiasi consiglio dell’ordine di Spagna.
Quali documenti sono necessari per procedere all’iscrizione?

  • Certificato di superamento dell’esame di abilitazione
  • Grado en Derecho
  • Master de acceso a la Abogacia
  • Copia autentica della Carta di identità
  • Numero identificativo dello straniero (NIE)
  • Antecedenti penali spagnoli.
  • Domicilio professionale in Spagna

Ottenuta la collegiazione in seguito a deliberazione del Consiglio dell’Ordine spagnolo (in genere questo avviene entro 2/3 settimane dal ricevimento della documentazione completa) lo stesso rilascerà il certificato di iscrizione e il tesserino di appartenenza all’ordine.

Detto titolo potrà essere riconosciuto in seguito a idonea richiesta fatta dall’interessato al fine di essere abilitato all’esercizio della professione in Italia, come in qualsiasi paese dell’Unione europea.

Condividi adesso!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Leave a Reply